Vendesi baule rivestito in similpelle pieno di libri per isole deserte

By Pietropaolo Morrone on 12 gennaio 2016 — 2 mins read

Hai deciso di trasferirti sull’isola di Montecristo, su una delle Auckland o su un isolotto sperduto dell’atlantico? Non avere fretta, prima di avventurarti acquista questo baule pieno di libri scelti:

Le interviste impossibili di autori vari
Durante le lunghe e solitarie giornate sull’isola, tra una battuta di pesca e un bagno nelle acque cristalline ti faranno compagnia queste interviste a personaggi come Socrate, l’uomo di Neanderthal, Jack lo squartatore, Nerone e tanti altri, ad opera di personaggi come Camilleri (eh sì, prima di Montalbano faceva queste cose), Eco, Calvino, Sanguineti. E poi sono tantissime, quasi una per ogni giorno dell’anno.

La morte della Pizia di Friedrich Dürrenmatt
Imperdibile questa interpretazione alternativa e creativa del mito di Edipo. È un libro che aiuta a sviluppare il pensiero laterale, la capacità di vedere le cose da un altro punto di vista, abilità che sicuramente ti sarà utile per affrontare i problemi quotidiani in un’isola deserta.

Gli inganni del pensiero laterale di Paul Sloane e Des Machale
Un campionario di esercizi di pensiero laterale per fare ulteriore pratica. Ecco un esempio: «Walter si trovava in ospedale. Non era né ferito né malato ma quando fu dimesso dovette essere trasportato. Perché?» Pensateci un attimo prima di rispondere. 3… 2… 1… ehm, Walter era un neonato.

I dialoghi di Platone
Il bello di questo capolavoro sta nelle diverse chiavi di lettura, oltre a quella propriamente “filosofica”. Andando a braccetto con Socrate per le vie di Atene, tra sofisti, musici e oratori, si può godere del sapore grottescomico e surreale di molti dialoghi.

Narciso e Boccadoro di Hermann Hesse
Non dovrà mancare nel tuo arsenale questo libro, in cui la differenza di potenziale tra spirito e materia scatenerà strali che rischiareranno le tue solitarie notti.

Dall’inferno di Giorgio Manganelli
Sarà di sicuro il libro che rileggerai più spesso. È talmente delirante che ti sembrerà sempre come la prima volta.

Re Lear di William Shakespeare
Il matto, re Lear, Glouchester, Regan… In una compagnia così, non potrai sentire la mancanza di nessuna delle persone che hai conosciuto nella tua vita.

Guida ragionata agli allucinogeni di Joe Axton
Nell’isola potrebbero trovarsi delle piante con proprietà allucinogene. Durante le lunghe nottate in solitudine potrebbe essere un modo per trovare un diversivo eccitante.

Il deserto dei tartari di Buzzati
Un uomo attende invano l’invasione dei Tartari, che non avverrà mai, una metafora dell’inutilià delle imprese umane, del tempo che fugge via inutilmente. Sull’isola deserta non capirai il significato del libro visto che per te è fondamentale che il tempo passi e in fretta anche.

Un bel taccuino immacolato.
Il tempo libero a disposizione potrebbe scatenare l’energia creativa lungamente repressa nelle lunghe attese dei Tartari del mondo “civilizzato”.

Posted in: Dementia

Leave a comment

Commenta…

e per finire…

Il difficile non è scrivere, ma riscrivere, smembrare, sbudellare un testo e rimetterlo insieme in modo che diventi più vivo di prima. Se hai qualcosa da dirmi contattami via email. © PIETROPAOLO MORRONE — tutti i diritti riservati