Definizione rigorosa di Dio che fornisce anche delle utili istruzioni per l’uso:

By Pietropaolo Morrone on 19 settembre 2016 — 1 min read

Dio = argomento di discussione per una cena, da sfoderare se si cade in un imbarazzante e prolungato silenzio; non delude mai: se ne parlerà fino all’ammazzacaffè e la discussione potrà toccare momenti di intensa focosità; da preferirsi se tra i commensali c’è un prete; possibilità non trascurabili di rissa con morto (tanto c’è Dio) all’occorrenza, specie dopo un po’ di pratica in gozzoviglie teologiche.

Mi sembra un ottimo modo di concludere il post, dopo la mia modesta definizione, con le definizioni di Dio (TESI), di Di(avol)o (ANTITESI) e di Natura (SINTESI) che ci ha regalato Paul-Henry Thiry D’Holbach (1753 – 1789), filosofo ed enciclopedista, nella sua Teologia Portatile:

Dio: Termine sinonimo di preti, o se si vuole, è il factotum dei teologi, il primo agente del clero, l’incaricato d’affari […] Credere in Dio è credere a ciò che ne dicono i preti. Quando si dice che Dio è in collera, ciò significa che i suoi preti non sono in giornata. Sostituendo la parola preti a quella di Dio, la teologia diventa la più semplice delle scienze […] Ci sarebbe un altro Dio, ma i preti non se ne occupano affatto; è al loro che bisogna attenersi, se non si vuol fare arrostire.

Diavolo: È il factotum della Chiesa. Dio potrebbe ricacciarlo nel nulla, ma se ne guarda bene; ne ha troppo bisogno per mettere sul suo conto tutte le sciocchezze di cui potrebbe essere accusato. Lo lascia dunque fare […] il timore di Dio spesso non è altro che la paura del diavolo; è la religione di molti buoni devoti che senza il diavolo potrebbero benissimo non curarsi troppo né di Dio né dei suoi preti.

Natura: È l’opera meravigliosa di un Dio saggio, onnipotente e perfetto; e tuttavia la natura si è corrotta, volendola Dio così, al fine d’avere qualcosa con cui divertirsi e adirarsi […] Se non dovesse riparare incessantemente la sua macchina, i suoi telologi e lui stesso non avrebbero granché da fare.

Posted in: Dementia

Leave a comment

Commenta…

e per finire…

Il difficile non è scrivere, ma riscrivere, smembrare, sbudellare un testo e rimetterlo insieme in modo che diventi più vivo di prima. Se hai qualcosa da dirmi contattami via email. © PIETROPAOLO MORRONE — tutti i diritti riservati