Anagrammiamoci

By Pietropaolo Morrone on 6 luglio 2016 — 1 min read

Fare l’anagramma del proprio nome (e cognome) può essere un’esperienza rivelatoria. Oltre a essere un giochetto divertente, ha tutto il fascino della divinazione. Ecco cosa viene fuori da “pietropaolo morrone”:

porno paroliere moto
Come primo anagramma non è rassicurante, comunque, meglio “moto” che morto…

tale Omero proprio no
No, no, le mie aspirazioni non arrivano fino a questo punto, state tranquilli, mi basta essere me stesso.

proprio letame, no oro
… come a dire “non hai speranze”. Omero no di certo, ma letame…

proprio oro, no letame
se vale la proprietà commutativa, posso rifarmi immediatamente del torto subìto.

papiro molto erroneo
Mi sa di accusa, faccio probabilmente troppi errori, ma non mi dispiace: se ne commetto tanti, ho qualche possibilità di fare qualcosa di giusto.

pel mio porno oratore
Evidentemente, ognuno ha gli anagrammi che merita. Comunque, qui si può riscontrare una certa poesia. Mi ha fatto venire in mente il sonetto di Saba, “Mio padre è stato per me l’assassino”: «[…] Andò sempre pel mondo pellegrino;/ più d’una donna che l’ha amato e pasciuto./ Egli era gaio e leggero; mia madre/ tutti sentiva della vita i pesi./ Di mano ei gli sfuggì come un pallone».

il porno poetare moro
Sono moro, non c’è dubbio… per quanto riguarda “il porno poetare”, devo fare “mente locale”

arroteremo popolino
la vedo bene per un comizio, nel caso in cui dovessi candidarmi alle prossime comunali. Sa di “aguzzare” il popolo, mica sarebbe male…

troppo areole ormoni
non fa una piega! E poi mi pare ci sia una preoccupante coerenza tra alcuni anagrammi. Infatti:

monto proprio areole
In retorica si chiama sineddoche (la “parte per il tutto”)… mmh, credo sia meglio non continuare nell’analisi retorica dell’anagramma, anzi è meglio fermarmi qui…

Posted in: Dementia

Leave a comment

Commenta…

e per finire…

Il difficile non è scrivere, ma riscrivere, smembrare, sbudellare un testo e rimetterlo insieme in modo che diventi più vivo di prima. Se hai qualcosa da dirmi contattami via email. © PIETROPAOLO MORRONE — tutti i diritti riservati